Blog

Come calcolare il ritorno sulla spesa pubblicitaria e modi per utilizzarlo

Il ritorno sulla spesa pubblicitaria o ROAS è una metrica comune utilizzata in PPC.

Anche se esiste da più tempo, non è un concetto difficile da afferrare.

Detto questo, può essere abbastanza semplice da calcolare o diventare complesso velocemente, a seconda di come viene misurata la parte di “rendimento”.

Ritorno sulla spesa pubblicitaria = entrate totali generate dagli annunci, diviso per il costo della spesa pubblicitaria

Può essere facile come dividere i totali di due colonne che vedi regolarmente nei tuoi rapporti di analisi: entrate e costi.

Se lo leggi e pensi: “Sì, so esattamente quanto guadagno per ogni dollaro pubblicitario speso” e puoi facilmente calcolare il mio ritorno sulla spesa pubblicitaria, salta un paio di paragrafi.

Se stai lottando per prendere gli input e mettere tutto insieme, mi sento per te.

Probabilmente ti trovi in ​​un luogo in cui non hai visibilità di tutti i dati, li hai legati insieme o hai un ciclo di vendita più complesso in cui le cose non si svolgono in un periodo di tempo piacevole e ordinato.

Va bene, puoi raggiungere un buon posto con il ROAS.

Indipendentemente dalla barca in cui ti trovi, il ROAS può essere una metrica e un punto di riferimento importanti.

  • Spesso influisce e può portare a una misurazione reale del ROI per un’organizzazione.
  • Può aiutare con l’impostazione delle aspettative.
  • Può essere una metrica più granulare per il processo decisionale e l’applicazione più approfondita nei tuoi casi aziendali specifici.

7 modi per utilizzare il ROAS in PPC

1. Impostazione delle aspettative

PPC è un ottimo canale per ottenere risultati rapidi e avere un impatto su un’azienda.

Tuttavia, anche con la migliore ricerca sul front-end, spesso può portare a aspettative mancate.

Le aspettative del PPC possono variare notevolmente ed essere soggettive.

Il ritorno sulla spesa pubblicitaria offre una grande opportunità per stabilire un punto di riferimento per l’aspetto del successo.

Un ottimo gestore PPC può utilizzare diverse leve per indirizzare più traffico, spendere più budget o cercare di trovare un punto debole nel mezzo.

Stabilendo un obiettivo ROAS legato alla redditività, il team PPC può utilizzare quella metrica come chiave nelle proprie decisioni e prestazioni complessive.

2. Budgeting

Il ROAS può essere un ottimo strumento per prendere in considerazione le decisioni di budget.

Come l’impostazione delle aspettative, il ritorno sulla spesa pubblicitaria può fungere da punto di riferimento per aiutare i team ad andare oltre la semplice considerazione di offerte, budget, clic e massimali di conversione. È una metrica di qualità.

Utilizzando il ROAS per determinare dove si trova la legge dei rendimenti decrescenti e garantire che sia inclusa nelle proiezioni e quando si osservano le prestazioni passate reali, può essere utilizzato per determinare i budget ideali e gli intervalli accettabili.

Nella maggior parte dei casi, ho riscontrato che i clienti sono d’accordo nel non limitare tutto il budget e guardare il numero di ROAS solo per determinare quanto spendere.

Se la spesa può essere aumentata e comunque superare il ritorno sulla spesa pubblicitaria target, continua a spendere tutto il giorno, ogni giorno, poiché sappiamo che siamo in un territorio redditizio.

3. Decisioni sulle offerte

Diventando più granulari, le decisioni sulle offerte possono essere prese anche in base al ritorno sulla spesa pubblicitaria.

Il ritorno sulla spesa pubblicitaria può essere calcolato a un livello dettagliato e non solo a un livello elevato per la spesa complessiva o totale.

Quando suddividiamo le nostre campagne in categorie come campagna, gruppo di annunci, tipo di annuncio, argomento, ecc., Possiamo ottenere un controllo e una visione più granulari.

Ad esempio, se pubblichiamo annunci con scheda di prodotto (PLA) di Google visualizzati su Google Shopping, possiamo separarli come un tipo di annuncio e ottenere un ritorno sulla spesa pubblicitaria su quelli.

Andando ancora più in profondità, possiamo analizzare il livello del singolo prodotto per vedere come i diversi prodotti producono il ritorno sulla spesa pubblicitaria.

Conoscendo qual è il ritorno sulla spesa pubblicitaria a diversi livelli, possiamo consigliare e ottimizzare le nostre strategie di offerta e avere un maggiore controllo su ciò che determina il ritorno sulla spesa pubblicitaria complessivo e avere un impatto positivo sull’insieme.

4. Ecommerce

Uno dei primi tipi di attività che vengono in mente quando si pensa al ROAS e al suo utilizzo è l’e-commerce.

Con molti degli ottimi strumenti e integrazioni disponibili, molte piattaforme di carrello degli acquisti alimentano automaticamente i dati sulle entrate in Google Ads e Google Analytics.

Utilizzando queste metriche, possiamo arrivare rapidamente al nostro ritorno sulla spesa pubblicitaria prendendo il totale delle entrate diviso per la spesa totale.

Tieni presente che ottenere il ritorno sulla spesa pubblicitaria è probabilmente la parte più semplice. Determinare quale sia un ritorno sulla spesa pubblicitaria accettabile in generale, che può richiedere più tempo e lavoro.

Quella parte include la determinazione dei margini di profitto per i prodotti, il calcolo delle spese generali e la determinazione dell’aspetto completo del ROI per annullare ciò che deve essere il ROAS.

5. Generazione di contatti

Un tipo di obiettivo aziendale più complicato per il calcolo del ROAS è la generazione di lead.

Il ritorno sulla spesa pubblicitaria potrebbe essere più difficile tornare indietro e misurare se stesso.

Tuttavia, nella maggior parte dei casi, le campagne di lead generation hanno maggiore attenzione ai dettagli sul lato ROI delle cose e conoscono i loro cicli di vendita e le spese generali.

Ciò semplifica il raggiungimento degli obiettivi di ROAS, mentre il ROAS stesso potrebbe richiedere più tempo per il calcolo in base al periodo di tempo dalla conversione alla vendita finale se è così che viene calcolato il ROAS.

6. Consapevolezza e altre campagne

Il ROAS può essere misurato anche in altri obiettivi e applicazioni aziendali.

Che si tratti di generazione di consapevolezza, visualizzazioni di pagina o altri obiettivi secondari, può comunque essere applicato.

Potrebbe essere necessario più lavoro per definire ciò che viene misurato il ritorno per una vendita su campagne di sensibilizzazione e più misurazioni attraverso il funnel e il modello di attribuzione, ma può comunque essere ottenuto con il lavoro giusto per annullare la metrica di vendita.

7. Oltre il ROAS

Sebbene il ROAS sia un ottimo punto di riferimento e una guida di qualità per i media a pagamento, non è la fine della storia.

In alcuni casi, è solo l’inizio.

Con la fidelizzazione dei clienti, la RFM e le metriche sul valore della vita che possono essere conosciute nelle aziende, possiamo portarla ancora oltre.

Associare il ROAS ad altre metriche oltre alla vendita può portare a informazioni incredibili da utilizzare al di fuori della gestione della spesa per i media.

Conclusione

Nel complesso, la metrica ROAS a volte non viene presa in considerazione dalle aziende che gestiscono la spesa pubblicitaria.

Sebbene possa richiedere del lavoro per determinare cosa si basa su come vengono definite le vendite, spesso si rivela un ottimo punto di riferimento di qualità da utilizzare.

Se sai che stai realizzando costantemente un certo ritorno sulla spesa pubblicitaria, i parametri di spesa possono essere rimossi.

Oppure, se non sai quanto spendere o cosa aspettarti, un obiettivo ROAS può essere un ottimo punto di partenza da cui perfezionare in quanto puoi impostarlo a un livello redditizio indipendentemente dalla spesa.

Condividi:

Facebook
LinkedIn
Telegram
WhatsApp

Qualora avessi bisogno di supporto o di maggiore approfondimento su questo e altri temi legati al digital marketing, contattaci per una consulenza gratuita: ti aiuteremo a raggiungere i tuoi obiettivi.

Richiedi una Consulenza Gratuita

    Potrebbe interessarti anche...

    I 10 migliori strumenti di automazione del marketing che ogni operatore di marketing deve avere

    [ad_1] Riepilogo di 30 secondi: Adottando semplicemente la tecnologia di automazione del marketing, un’azienda può liberare notevolmente il tempo di un operatore di marketing e consentire loro di concentrarsi su progetti di aumento delle entrate più importanti poiché questi strumenti possono aiutare ad automatizzare numerose attività ripetitive come e-mail, gestione

    Leggi tutto »

    La guida definitiva per le piccole imprese

    [ad_1] L’automazione dell’email marketing è diventata parte integrante del processo di marketing in ogni piccola impresa. Con ogni operatore di marketing che cerca di rendere il processo più snello ed efficace, l’automazione del marketing aiuta gli operatori di marketing a ottenere lo stesso risultato e a fornire i risultati desiderati

    Leggi tutto »
    Formazione
    Scopri le nostre proposte formative su www.digital-university.it

     

    La prima digital school il cui primo obiettivo è quello di diffondere la cultura digitale nel mercato e far crescere le ambizioni delle aziende del territorio.

     

    La nostra cultura digitale al vostro servizio:

     

    • Lezioni Dinamiche e ricche di esempi pratici
    • Confronto continuo
    • Docenti professionali e preparati
    • Spunti pratici attualizzati

    Offriamo formazione per tutti coloro che intendono accrescere la propria competenza digital e affianchiamo le aziende con corsi in aula o attraverso l’e-learning.

    Inserzione Pubblicitaria

    Richiedi Consulenza Gratuita

    Qualora avessi bisogno di supporto o di maggiore approfondimento su questo e altri temi legati al digital marketing, contattaci per una consulenza gratuita: ti aiuteremo a raggiungere i tuoi obiettivi.

    x