Blog

Bing annuncia lo strumento di test Robots.txt migliorato

Bing ha annunciato uno strumento di verifica Robots.txt migliorato. Lo strumento soddisfa un’esigenza importante perché sbagliare un robots.txt può portare a risultati SEO imprevisti. La produzione di un file robots.txt perfetto è essenziale e una priorità assoluta per il SEO.

Un file robots.txt è un file che dice ai crawler dei motori di ricerca cosa fare e cosa non fare su un sito web. Un file robots.txt è uno dei pochi modi in cui un editore può esercitare il controllo sui motori di ricerca.

Screenshot dello strumento di test Bing Robots.txt

Screenshot dello strumento tester Bing robots.txt

Anche se non è necessario bloccare un crawler di ricerca, è comunque importante averne uno per non generare una notazione di log degli errori 404 inutile.

Errori su un file Robots.txt possono portare i motori di ricerca a eseguire la scansione di pagine che non dovrebbero essere indicizzate.

Le voci involontarie in un file robots.txt possono anche comportare il mancato posizionamento delle pagine Web perché vengono bloccate accidentalmente.

Gli errori in un file robots.txt sono una fonte comune di problemi di posizionamento nelle ricerche. Ecco perché è così importante che lo strumento di verifica robots.txt avanzato di Bing

Sii proattivo con i test e la diagnostica di Robots.txt

Gli editori possono ora essere proattivi sulla revisione e il test dei propri file Robots.txt.

Testare per vedere come un crawler di ricerca risponde a un file robots.txt e diagnosticare possibili problemi sono caratteristiche importanti che possono aiutare il SEO di un editore.

Questo strumento può anche essere utile per i consulenti di controllo della ricerca per aiutarli a identificare possibili problemi che devono essere corretti.

Il nuovo strumento di Bing soddisfa un’importante esigenza, come descritto da Bing:

“Mentre il protocollo di esclusione dei robot dà il potere di informare i robot web e i crawler su quali sezioni di un sito web non devono essere elaborate o scansionate, il numero crescente di motori di ricerca e parametri ha costretto i webmaster a cercare il loro file robots.txt tra i milioni di cartelle sui loro server di hosting, modificandoli senza guida e infine grattandosi la testa poiché il problema di quel crawler indesiderato persiste “.

Queste sono le azioni eseguite dallo strumento Bing robots.txt per fornire informazioni utilizzabili:

  1. Analizza robots.txt
  2. Identifica i problemi
  3. Guida gli editori attraverso il processo di recupero e caricamento.
  4. Controlla le istruzioni allow / disallow

Secondo Bing:

“Il tester Robots.txt aiuta i webmaster non solo ad analizzare il loro file robots.txt ed evidenziare i problemi che impedirebbero loro di essere scansionati in modo ottimale da Bing e altri robot; ma li guida anche passo passo dal recupero dell’ultimo file al caricamento dello stesso file all’indirizzo appropriato.

I webmaster possono inviare un URL allo strumento Tester robots.txt e funziona come farebbero Bingbot e BingAdsBot, per controllare il file robots.txt e verificare se l’URL è stato consentito o bloccato di conseguenza “.

Una caratteristica utile dello strumento tester robots.txt è che mostra quattro versioni del file robots.txt nell’editor che corrispondono alla versione sicura e non sicura di con e senza prefisso WWW, ovvero

  • http: //
  • https: //
  • http: // www
  • https: // www.

Condividi:

Facebook
LinkedIn
Telegram
WhatsApp

Qualora avessi bisogno di supporto o di maggiore approfondimento su questo e altri temi legati al digital marketing, contattaci per una consulenza gratuita: ti aiuteremo a raggiungere i tuoi obiettivi.

Richiedi una Consulenza Gratuita

    Potrebbe interessarti anche...

    4 ragioni per le quali la stampa nel marketing ha ancora un senso

    [ad_1] Quando parliamo di dematerializzazione, pensiamo subito alla trasformazione di processi in digitale e alla possibilità di diminuire il consumo di carta, avvicinando da subito la parola dematerializzazione alla sostenibilità ambientale ed economica. Ma se questo è vero per la dematerializzazione dei processi aziendali, non è sempre vero nel caso

    Leggi tutto »

    Come padroneggiare la SEO nell’era digitale

    [ad_1] D: In che modo Siri e Alexa influenzano la SEO? UN: Enormemente. La ricerca vocale tramite assistenti virtuali è cresciuta rapidamente negli ultimi anni. Le persone erano solite recuperare le informazioni digitando in una barra di ricerca, ma ora stanno semplicemente parlando nel loro telefono. È più veloce e

    Leggi tutto »
    Formazione
    Scopri le nostre proposte formative su www.digital-university.it

     

    La prima digital school il cui primo obiettivo è quello di diffondere la cultura digitale nel mercato e far crescere le ambizioni delle aziende del territorio.

     

    La nostra cultura digitale al vostro servizio:

     

    • Lezioni Dinamiche e ricche di esempi pratici
    • Confronto continuo
    • Docenti professionali e preparati
    • Spunti pratici attualizzati

    Offriamo formazione per tutti coloro che intendono accrescere la propria competenza digital e affianchiamo le aziende con corsi in aula o attraverso l’e-learning.

    Inserzione Pubblicitaria

    Richiedi Consulenza Gratuita

    Qualora avessi bisogno di supporto o di maggiore approfondimento su questo e altri temi legati al digital marketing, contattaci per una consulenza gratuita: ti aiuteremo a raggiungere i tuoi obiettivi.

    x