Blog

8 Errori SEO banali ma dannosi commessi anche dai professionisti

Ti stai prendendo a calci a causa di una recente svista SEO?

Non sei solo.

La SEO è diventata un campo complesso che semplicemente apprendere le basi può essere un compito gigantesco.

E la strategia SEO media copre molto!

Ci sono parole chiave, meta tag e ottimizzazioni fuori pagina di cui occuparsi, oltre a suggerimenti, strumenti e trucchi più avanzati da apprendere e utilizzare per svolgere bene il lavoro.

Può essere travolgente.

Inoltre, a causa delle metriche, non possiamo nasconderci da errori o sviste perché i numeri volere mostralo.

Puoi essere il professionista più attento ai dettagli e diligente là fuori, ma il fatto è: c’è un sacco di spazio perché le cose vadano storte o per te che sbagli anche quando sei ai vertici del tuo campo.

Tanto di cappello per te se non hai mai incasinato almeno una piccola cosa!

Ecco otto stupidi errori che a volte fanno anche i professionisti SEO.

1. Lasciare un comando Noindex / Nofollow sul sito all’avvio

Puoi impedire che una pagina su un sito web (o un intero sito web) venga visualizzata in Google utilizzando un meta tag noindex nel codice dell’intestazione del tuo sito.

Quando Googlebot vede quel tag, elimina immediatamente la pagina dai risultati di ricerca.

È utile se stai ancora sviluppando il tuo sito o non hai accesso root a un server e desideri un maggiore controllo sull’accesso a pagine specifiche o all’intero sito per qualsiasi motivo.

Ma se dimentichi di toglierlo prima del lancio del tuo grande sito?

Ops.

Un altro errore può essere l’inserimento di un meta tag noindex nel codice dell’intestazione del sito e il blocco del comando con un file robots.txt.

Ricorda: devi fare l’uno o l’altro.

Non entrambi.

2. Non utilizzare Google Analytics e / o Google Search Console

Idealmente, dovresti usare entrambi.

Google Analytics ti fornisce tutti i dati necessari per comprendere le prestazioni del tuo sito web. Ti dice cose come il traffico, i dati demografici e per quanto tempo i tuoi lettori rimangono in giro prima di rimbalzare.

Google Search Console ti offre tutto ciò di cui hai bisogno per migliorare il tuo sito. Ti dirà chi si collega a te, se esistono errori tecnici e altro ancora.

Ti stai perdendo se non li usi.

Tuttavia, alcuni professionisti li rinunciano del tutto.

Perché?

È semplice:

Ci sono molti strumenti là fuori. Molti di loro sono proprietari e pochi di loro sono economici.

Inoltre, una volta trovato uno strumento che ci piace, tendiamo a continuare a usarlo.

Sebbene altri strumenti possano offrire funzionalità simili a Google Analytics o Search Console, alla fine della giornata, tuttavia, potrebbero non dare i migliori risultati.

Un altro errore comune commesso da alcuni professionisti è non dedicare abbastanza tempo a Google stesso.

Un buon SEO può ottenere tutto ciò di cui ha bisogno direttamente dal motore di ricerca.

L’unica cosa che fanno i fantasiosi strumenti SEO è rendere queste informazioni più facili da leggere, più accessibili e disponibili più rapidamente.

8 Errori SEO sciocchi ma dannosi commessi anche dai professionisti

3. Ottimizzazione per le parole chiave sbagliate

Sapevi che i professionisti SEO hanno un punto cieco quando si tratta di parole chiave?

Potrebbe sembrare sorprendente perché facciamo così tanta ricerca di parole chiave.

Ma farlo può portare a essere troppo determinati a fare le cose in un certo modo, anche quando potrebbe esserci un modo migliore per farlo.

In particolare, possiamo sviluppare cattive abitudini e finire per ottimizzare per le parole chiave sbagliate.

A volte finiamo per ottimizzare dal punto di vista aziendale, quando dovremmo farlo dal punto di vista dei clienti dei nostri clienti.

Lasciate che vi faccia un esempio.

L’azienda A vende scarpe specifiche per le persone con alluce valgo, meglio conosciuto come borsiti.

Il contenuto del sito riflette il design dello spettacolo, che è basato sull’evidenza e radicato nella scienza di esso.

Le parole chiave scelte sono state “scarpa per alluce valgo” e “scarpe basate sull’evidenza per il trattamento dell’alluce valgo”.

Parole chiave a coda lunga piacevoli, specifiche, a bassa concorrenza.

Sembrava perfetto, sì?

Non proprio.

Poche settimane dopo, abbiamo iniziato a ricevere e-mail e telefonate da medici che chiedevano informazioni sui requisiti di prescrizione o su come acquistarli per i loro pazienti.

Ma stavamo cercando di vendere al grande pubblico.

Per rompere questa abitudine, è una buona idea dedicare un po ‘di tempo alla ricerca cosa cercheranno le persone quando cercano risposte ai loro problemi.

Prova a scoprire quale lingua usano.

Non sarà sempre la terminologia ufficiale, quindi è importante la lingua che parli davanti al tuo pubblico di destinazione.

4. Non utilizzare collegamenti interni

Citare le tue fonti con molti link autorevoli e di altissima qualità è davvero una buona idea.

Aiuta i tuoi lettori a prenderti sul serio e segnala a Google che puoi essere affidabile per fornire buone informazioni. (È anche una delle cose che specificano nelle linee guida per il valutatore della qualità della ricerca.)

Tuttavia, a volte ci entusiasmiamo molto per i link esterni e trascuriamo quelli interni.

Ricorda che sono anche importanti.

I link interni sono un ottimo modo per migliorare la tua posizione nelle SERP perché:

  • Rendi più facile per Googlebot la scansione del tuo sito.
  • Aiuta a segnalare gruppi di argomenti e pagine importanti.
  • Indirizza il traffico ad altre parti del tuo sito.

5. Non migliorare i contenuti

Sapevi che Google ha un algoritmo di aggiornamento? Lo fa.

Se offri contenuti obsoleti, potresti notare che il ranking delle tue pagine e il traffico iniziano a diminuire.

I contenuti obsoleti sono contenuti che sono diventati:

  • Obsoleto a causa di nuove statistiche o cambiamenti di mercato.
  • Errato a causa dell’emergere di nuove informazioni.
  • Irrilevante a causa dei cambiamenti nel modo in cui Google interpreta una parola chiave.
  • Svalutato a causa di aggiornamenti dell’algoritmo.

Il contenuto non è una cosa del tipo “impostalo e dimenticalo”.

Inoltre, i collegamenti si interrompono, i file scompaiono e le parole chiave non vengono più utilizzate.

Pertanto, dovresti assicurarti di tenere d’occhio le tue pagine.

Rimuovi i vecchi contenuti e regola tutto ciò che sembra scivolare.

Google lo apprezzerà e ti ricompenserà con una posizione migliore nelle SERP.

6. Non ottimizzazione per intento di ricerca

Simile all’utilizzo di parole chiave sbagliate, non riuscire a ottimizzare per l’intento di ricerca dell’utente può rivelarsi altrettanto devastante per la tua strategia SEO.

Fortunatamente, l’ottimizzazione per l’intento di ricerca è diventata molto più semplice poiché Google mette a punto la sua capacità di offrire esattamente ciò che le persone stanno cercando.

In generale, Google suddivide le ricerche in tre categorie principali:

  • “Esegui” ricerche. Sono di natura transazionale, ad esempio “acquista laptop online”.
  • Ricerche “conosci” e “conosci semplici”. Questi sono di natura informativa, ad esempio “i migliori laptop del 2020”.
  • Ricerche “Vai”. Questi sono di natura navigabile, ad esempio “venditore di laptop vicino a me” o “sito con norme sui resi di laptop: esempio.com”.

Desideri ottimizzare per ciascuna di queste ricerche perché corrispondono anche ai passaggi del percorso del cliente.

Ciò massimizza le possibilità che tu riceva il contenuto giusto di fronte ai clienti giusti al punto giusto, quando ne hanno bisogno.

8 Errori SEO sciocchi ma dannosi commessi anche dai professionisti

7. Thinking SEO è interessato solo al traffico

Entra in qualsiasi bacheca SEO o subreddit e vedrai post dopo post che assomigliano a questo:

“Perché non ricevo più traffico?”

“Come indirizzo il traffico al mio nuovo sito?”

“Le migliori strategie SEO per aumentare rapidamente il traffico del sito?”

Traffico, traffico, traffico.

Certo, come partner SEO, è nostro compito indirizzare il traffico ai siti.

Una buona strategia SEO farà esattamente questo.

Ma cosa è altrettanto importante del traffico?

Conversioni.

Puoi avere tutto il traffico che desideri, ma alla fine della giornata non significherà nulla se i tuoi lettori non stanno seguendo e premendo l’acquisto o l’iscrizione.

Ricorda, come con tutte le cose che dovresti valutare qualità più che quantità.

Molto traffico sul sito ma conversioni basse significa che stai attirando molti visitatori irrilevanti.

Un piccolo numero di clienti altamente mirati è meglio di tonnellate di sosia.

8. Mettere la SEO “in pausa”

Quindi, hai costruito il tuo sito.

L’hai caricato pieno zeppo di informazioni super utili.

Hai creato una strategia SEO e lasciala andare nel motore di ricerca.

Stai crescendo nelle SERP.

Le persone stanno filtrando nel tuo sito …

E poi lasci scorrere tutto.

Che diavolo è successo?

Stavi andando bene, ecco cosa è successo.

Hai scoperto che il tuo motore SEO funzionava e sei diventato compiacente.

Forse ti concentri su altre cose come migliorare la tua linea di prodotti, pensando che il tuo SEO sarebbe buono per un po ‘.

La SEO non è un interruttore della luce. Non è una macchina che continuerà a sbuffare, fornendo risultati.

È più simile a un giocattolo a molla: se non lo mantieni e lo migliori costantemente, finirà il vapore.

I tuoi ranghi si degraderanno.

Dissolverai di nuovo nell’oscurità che è Pagina 2 (o oltre) di Google.

Ecco il punto: anche quando sai cosa stai facendo, molto può andare storto

La pianificazione, l’implementazione e il mantenimento di una valida strategia SEO comporta molti pezzi in movimento.

È abbastanza per far impazzire chiunque.

Significa anche che ci sono molte opportunità per fare piccole sviste ed errori che possono devastare la tua posizione nelle SERP.

Là.

Ho appena coperto otto cose che sono super semplici (anche sciocche) col senno di poi, ma che i professionisti fanno per caso ogni singolo giorno.

Condividi:

Facebook
LinkedIn
Telegram
WhatsApp

Qualora avessi bisogno di supporto o di maggiore approfondimento su questo e altri temi legati al digital marketing, contattaci per una consulenza gratuita: ti aiuteremo a raggiungere i tuoi obiettivi.

Richiedi una Consulenza Gratuita

    Potrebbe interessarti anche...

    Perché fare SEO post Covid è più importante che mai

    [ad_1] Dopo una fase iniziale in cui i brand hanno ridotto gli investimenti in marketing in risposta alla crisi, è ora di tornare a lavorarci con maggiore attenzione al budget e ai risultati La SEO (search engine optimization) è di fondamentale importanza ora più che mai, con il traffico web

    Leggi tutto »
    Formazione
    Scopri le nostre proposte formative su www.digital-university.it

     

    La prima digital school il cui primo obiettivo è quello di diffondere la cultura digitale nel mercato e far crescere le ambizioni delle aziende del territorio.

     

    La nostra cultura digitale al vostro servizio:

     

    • Lezioni Dinamiche e ricche di esempi pratici
    • Confronto continuo
    • Docenti professionali e preparati
    • Spunti pratici attualizzati

    Offriamo formazione per tutti coloro che intendono accrescere la propria competenza digital e affianchiamo le aziende con corsi in aula o attraverso l’e-learning.

    Inserzione Pubblicitaria

    Richiedi Consulenza Gratuita

    Qualora avessi bisogno di supporto o di maggiore approfondimento su questo e altri temi legati al digital marketing, contattaci per una consulenza gratuita: ti aiuteremo a raggiungere i tuoi obiettivi.

    x